Blog

giugno 27, 2018

La connessione temporanea e definitiva

Installazione elettrica: dalla connessione temporanea alla definitiva

Dalla connessione temporanea alla connessione finale quali passi preparatori devi intraprendere per fornire energia alla tua installazione elettrica?

Elettricità in cantiere

In una casa finita, l’elettricità è ovvia, ma è naturalmente anche necessario fornire elettricità sul sito, per fare questo, hai bisogno di un tavolo o di un sito di installazione: un pannello bloccabile con cavo di connessione e contatore elettrico.

Una seconda opzione è quella di connettersi all’impianto elettrico di uno dei tuoi futuri vicini, in questo caso, sicuramente hai accordi chiari con questo e metti un piccolo contatore separato per registrare il tuo consumo.

La connessione temporanea

Per connettere il centralino alla rete elettrica, è necessario richiedere la connessione temporanea al gestore del sistema di distribuzione, approfitta di questo per risolvere la tua connessione finale, in quanto i documenti necessari possono richiedere molto tempo.

Il cavo di alimentazione

Una volta attivato il sito di lavoro, è possibile iniziare a lavorare, parte di questo lavoro è preparare la casa per la connessione finale alla rete di distribuzione, il cavo entra nella tua casa alla curva di connessione posta nelle fondamenta.

La curva di connessione

La curva di collegamento è costituita da cinque condotti che permettono collegamenti gas di plastica, di televisione via cavo (televisione, internet), telefono, elettricità e acqua.
Le aperture per i condotti sono appena sopra il livello del pavimento finito e questa curva deve essere posizionata nelle fondamenta.
Oltre alla curva di connessione, c’è anche il pannello di connessione, su questo pannello multiplex resistente all’acqua vi sono i vari metri, schede e cavi.

La connessione definitiva

Per la connessione finale alla rete elettrica, è necessario inviare una richiesta di connessione definitiva al gestore di rete, il gestore varia da una località all’altra, puoi trovare il modulo di domanda sul suo sito web o richiederlo via e-mail o posta.
Il manager della società invia quindi un controller per verificare che l’installazione soddisfi tutti gli standard e se l’installazione è in ordine, collegherà sicuramente lo strumento e il cavo di alimentazione.

Monofase o trifase?

Al momento della richiesta, è necessario indicare se si desidera eseguire una trifase (400/230V) o monofase (230V), questa scelta dipende dal numero e dalla natura degli apparecchi elettrici.
Per un normale uso domestico, una connessione monofase è sufficiente ed è assurdo pagare di più per una trifase, il buon compromesso è installare un cavo trifase e collegarlo in monofase quindi, più tardi, puoi facilmente passare alla trifase.

Pronto elettricista
About prontoelettricista